mercato tv

TrendForce ha rivisto al ribasso le previsioni per il mercato Tv nel 2022 a pesare la situazione nella regione della CSI

Secondo TrendForce le spedizioni globali di Tv nel 2022 torneranno a un ciclo pre-pandemia, ma la guerra russo-ucraina ha indirettamente portato a un aumento dell’inflazione. Con la spesa per consumi invariata, le spese per i beni non essenziali sono destinate a risentire della stretta. La Russia rappresenta l’82% delle spedizioni televisive nella regione della CSI (Commonwealth of Independent States) e anche l’Ucraina mantiene una quota di mercato del 12%. Mentre la guerra continua le spedizioni di Tv potrebbero diminuire di oltre 3 milioni di televisori nel medio termine. Complessivamente, le spedizioni Tv nel 2022 si adegueranno al ribasso a 215 milioni di unità, ovvero il 2,4% su base annua e una diminuzione dello 0,7% rispetto alla precedente previsione del 2022.

Secondo le statistiche di TrendForce, le spedizioni di Tv nella regione della CSI rappresentano il 4% del totale globale, di cui il 60% è costituito da modelli da 32 pollici e 43 pollici. I due principali marchi TV, Samsung e LG, rappresentano quasi il 50% del mercato combinato nella regione della CSI. Al momento, a causa di fattori quali la geopolitica e le sanzioni economiche, le spedizioni alle fabbriche russe per l’assemblaggio di TV back-end sono state interrotte e Samsung ha fatto un ulteriore passo avanti bloccando le vendite.

La domanda russa di televisori scende a 6-7 milioni di unità all’anno. A causa delle tasse di importazione elevate, Samsung e LG sono stati incoraggiati a creare impianti di assemblaggio TV in Russia che, non solo riducono i dazi, ma godono anche dei vantaggi delle esportazioni a tasse zero in Ucraina.

Samsung e LGE hanno originariamente inviato importazioni dalla Corea del Sud alla Russia sotto forma di CKD (Complete knock down) al fine di assemblare televisori in fabbriche locali e godere di vantaggi duty-free. Tuttavia, la guerra ha sospeso tutte le spedizioni verso la Russia.

In questo scenario TrendForce sottolinea che, poiché i due marchi coreani sono stati danneggiati, il marchio cinese Haier ha scelto di accelerare la sua diffusione nel mercato russo. Si prevede che Haier arriverà ad occupare il terzo posto nelle vendite di Tv nella regione della CSI con una quota di mercato dell’11% nel 2022. Nel 2021 le spedizioni di Haier nella regione della CSI hanno raggiunto le 800.000 unità. Nel 2022, ha l’opportunità di conquistare la quota di mercato persa dai marchi coreani con un obiettivo di spedizione di un milione di unità. A giudicare dalla capacità di produzione di Tv delle fabbriche locali, il volume potrebbe superare i 2 milioni di unità. Si prevede che Haier avrà un grande vantaggio dalla guerra russo-ucraina per quanto riguarda il mercato Tv.

Iscriviti alla newsletter!