cdc Raee

Gli impianti di trattamento RAEE hanno avere gestito complessivamente 478.817 tonnellate di RAEE, +3,2% rispetto all’anno precedente.

Secondo CdC Raee e il suo Rapporto Gestione RAEE 2020, Nel corso dello scorso anno gli impianti di trattamento hanno avviato al recupero quasi 480mila tonnellate dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). È quanto emerge dal .

Più precisamente, i quantitativi sono pari a 478.817 tonnellate di rifiuti elettronici di provenienza domestica e professionale, originati su tutto il territorio nazionale. Si tratta di informazioni essenziali per la filiera perché sulla base di questi dati viene monitorato l’andamento dell’Italia rispetto ai target di raccolta fissati dall’Unione Europea.

I dati presenti nel Rapporto 2020 sono disponibili anche su raeeitalia.it, il servizio online del Centro di Coordinamento RAEE, che nella sezione dedicata Rapporti Impianti ripropone in maniera integrale tutte le voci del report: RAEE domestici, RAEE professionali, AEE immesse, Impianti, target europeo.

Centro Coordinamento RAEE

Un primo dato molto positivo che emerge dal Rapporto Gestione RAEE 2020 è il trend di crescita costante del numero di impianti di gestione RAEE che hanno effettuato la dichiarazione annuale al CdC RAEE, pari a 1.050, ben 74 in più rispetto al 2019.

Il calcolo comprende sia gli impianti dediti al trattamento per il recupero delle materie prime sia quelli che svolgono semplice attività di stoccaggio dei rifiuti in attesa dell’invio a un impianto di trattamento.

In termini di ripartizione sul territorio nazionale, la numerica più consistente rimane appannaggio del Nord Italia con 729 strutture, seguito a distanza dall’Area Sud che con 173 strutture (+26 rispetto al 2019) supera il Centro Italia dove si contano 148 impianti (+10 rispetto al 2019).

Come già evidenziato, nel corso del 2020 gli impianti hanno dichiarato di avere gestito complessivamente 478.817 tonnellate di RAEE, valore che corrisponde a un incremento del 3,2% rispetto all’anno precedente.

Poco più del 77% dei volumi complessivi (pari a 369.569 tonnellate) è riconducibile ai RAEE domestici, un’incidenza maggiore rispetto al 2019 in forza di un incremento del 4,45%, mentre il 22,82% (pari a 109.248 tonnellate) si riferisce ai RAEE professionali, il cui peso al contrario registra un leggero calo (-0,79%).

Entrando nel dettaglio della composizione dei rifiuti tecnologici domestici, i grandi bianchi (R2) si confermano il raggruppamento più significativo, ma è quello dell’elettronica di consumo (R4) a registrare l’incremento percentuale più elevato (+12,2%) rispetto al 2019, mentre quello delle sorgenti luminose (R5), complice la situazione pandemica, conosce una vera e propria battuta d’arresto (-31,59%).

I dati forniti dagli impianti di trattamento dei rifiuti elettronici al CdC Raee permettono di valutare a che punto è la raccolta dei rifiuti elettrici dell’Italia rispetto agli obiettivi imposti dalla Direttiva europea sui RAEE 2012/19/UE a salvaguardia, tutela e miglioramento della qualità dell’ambiente e della salute umana. Il target del 65% valido a partire dal 2019 è da intendersi come rapporto tra i RAEE raccolti nell’anno di riferimento e la media delle apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) immesse sul mercato nel triennio precedente.

Il dato, ricavato sulla base dei dati disponibili al 30 giugno 2021, segnala un tasso di ritorno in calo per il secondo anno consecutivo che si attesta al 36,80%.

All’origine di questo decremento vi sono due fattori: da una parte un aumento dell’immesso di AEE del triennio 2017-2019, la cui media si attesta a 1.301.302 tonnellate (+10,9% rispetto al triennio precedente), dall’altra il calo dei volumi dei rifiuti provenienti dal professionale.

Iscriviti alla newsletter!